Le certificazioni

IL PROCESSO DELLE CERTIFICAZIONI

La produzione di piante di olivo viene realizzata adeguandosi alle norme della certificazione genetico-saniataria nazionale.

La certificazione genetico-sanitaria del materiale di propagazione vegetale è un processo di controllo, garantito dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MiPAAF) in grado di assicurare al produttore agricolo la fornitura di piante con il massimo livello fitosanitario,  geneticamente rispondenti alle caratteristiche varietali richieste e con elevati requisiti biometrici.

Il materiale certificato (portinnesti, innesti, astoni e semi), prodotto attraverso il sistema di certificazione genetico-sanitaria, deriva da piante capostipiti (cultivar o portinnesti), denominate Fonti primarie, selezionate per i caratteri pomologici, nonché saggiate e trovate esenti da specifici patogeni riportati sui protocolli che regolano la normativa.

Il processo di certificazione si articola in quattro differenti fasi di propagazione:

  • Conservazione per la premoltiplicazione
  • Premoltiplicazione
  • Moltiplicazione
  • Vivaio

Le fasi di Conservazione e Premoltiplicazione vengono condotte presso Centri specializzati pubblici o privati ove le piante vengono mantenute in condizioni che impediscano il verificarsi di infezioni attraverso radici, polline e insetti. Per tale ragione le stesse vengono allevate in substrato sterile, in contenitori separati dal terreno attraverso piedistalli e mantenute all’interno di serre provviste di rete antiafide, denominate screen-house.

La nostra azienda ha recentemente realizzato un campo di piante madri di olivo (fase di Moltiplicazione) con piante provenienti dal Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura (CRSA) Basile Caramia di Bari.

Tutte le 4 fasi del processo sono rigorosamente controllate dal MiPAAF attraverso l’operato del Servizio Fitosanitario Regionale che effettua controlli di campo, di laboratorio e documentali.

Alla fine del processo in Vivaio si ottengono piante di olivo di categoria certificato Virus Esente di corrispondenza varietale certa, cartellinate singolarmente con etichette di colore azzurro che riportano la categoria del materiale vegetale (Certificato), lo stato sanitario (virus esente), il nome del portinnesto e della varietà e la garanzia del MiPAAF.

In definitiva gli obiettivi del processo di Certificazione genetico-sanitaria sono i seguenti:

  •  produzione di materiale vegetale con requisiti superiori sotto il profilo fitosanitario e genetico;
  •  maggiore qualità delle produzioni frutticole;
  •  prevenzione della diffusione di malattie da quarantena;
  •  tracciabilità del materiale vegetale.

Commenti chiusi